Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Compagni, fino a quando abuserete della nostra pazienza?

Nelle ultime settimane stiamo assistendo a una sorprendente “radicalizzazione” del dibattito politico, complice il risultato delle elezioni e le scorie di una campagna elettorale tra le più divisive degli ultimi anni.  In tutta onestà, non mi aspettavo che un centrodestra dalla voce così flebile e conciliante potesse scatenare il “ribellismo” dei collettivi antifascisti; tuttavia l’aggressioneContinua a leggere “Compagni, fino a quando abuserete della nostra pazienza?”

Soumahoro fa il paladino dei lavoratori, ma la coop di famiglia non paga i dipendenti

Appena qualche giorno fa si era presentato alla prima seduta della Camera dei deputati indossando degli stivali da lavoro: “Portiamo questi stivali in Parlamento, gli stessi che hanno calpestato il fango della miseria. Portiamo gli stivali della lotta nel Palazzo per rappresentare sofferenze, desideri, speranze. Per chi è sfruttato e chi ha fame. Coi piediContinua a leggere “Soumahoro fa il paladino dei lavoratori, ma la coop di famiglia non paga i dipendenti”

“Bianchi da cortile”

“I governi occidentali sono complici dell’etnocidio dei loro popoli nativi”.G.Faye Signori, dopo l’ennesima barbarie perpetrata da quattro nordafricani, ho l’ardire di affermare che siamo diventati dei “bianchi da cortile”, addomesticati e, oltretutto, insensibili agli attacchi contro la nostra gente. Non ci saranno manifestazioni oceaniche per Lola e per tutte le vittime degli stupri di Colonia,Continua a leggere ““Bianchi da cortile””

Il propretore Draghi “statista dell’anno” per gli americani

Il titolo del premio fa ridere già in partenza e altrettanto per via del destinatario dell’onorificenza. D’altronde essa ha una logica inoppugnabile: i precedenti vincitori portano nomi e cognomi illustri come Gorbacev, Merkel e Shinzo Abe. Non esattamente dei campioni di anti-americanismo. Anzi, proprio il contrario, poiché si sono dimostrati degli eccellenti propretori. Per SleepyContinua a leggere “Il propretore Draghi “statista dell’anno” per gli americani”

Meloni fallica. Marin bella e arrapata.

La Murgia è tornata. Noi ascoltiamo sempre con grande interesse i suoi discorsi. Non solo, ce ne compiaciamo! Quel sorriso intelligente, seguendo Nietzsche, che fiorisce sulle nostre labbra quando prestiamo orecchio alle fanfare stonate del femminismo! La nostra eroina è tornata a scagliarsi contro la Meloni. Infatti, ritiene che la leader di Fratelli d’Italia nonContinua a leggere “Meloni fallica. Marin bella e arrapata.”

Bagatelle per un discorso

Il premier ungherese, Viktor Orbán, in un momento di rara onestà per i tempi che corrono, quasi che abusare della verità sia un reato, ha reso note le sue considerazioni sull’avvenire demografico dell’Europa: «Noi ungheresi non diventeremo una razza mista, lottiamo contro il destino dell’Occidente. Entro il 2050, in Europa occidentale non esisteranno più nazioni,Continua a leggere “Bagatelle per un discorso”

La barbarie di un’informazione a senso unico

Affermava Georges Sorel in “Considerazioni sulla violenza”: “La democrazia elettorale assomiglia assai al mondo della borsa; nell’uno come nell’altro, occorre operare sulla ingenuità delle masse, comprare l’appoggio della grande stampa, e aiutare il caso per mezzo di una infinità di astuzie […] in democrazia si ha tanta libertà quanta se ne può comprare“. Il potereContinua a leggere “La barbarie di un’informazione a senso unico”

Nessuno ricorda più il Natale di Roma

Sarò categorico. I romani, ma più in generale gli italiani, hanno dimenticato una delle celebrazioni più importanti della storia: il Natale di Roma. Il 21 aprile, data fissata da Varrone grazie ai calcoli astrologici di Lucio Taruzio, mi trovavo ai Fori con un carico di malinconia sulle spalle che mi stava quasi asfissiando. Centinaia diContinua a leggere “Nessuno ricorda più il Natale di Roma”

Lo schiaffo ai perbenisti, Will Smith e il coraggio di un uomo che ama sua moglie

Uno schiaffo può dividere il mondo. E’ quello che è avvenuto questa notte a Los Angeles, pochi minuti prima che l’attore Will Smith vincesse il suo primo Oscar come miglior attore protagonista. L’interprete di “King Richard” (grande film sulla famiglia) non ha digerito una battuta infelice del conduttore, Chris Rock, rivolta alla moglie Jade Pinkett-Smith.Continua a leggere “Lo schiaffo ai perbenisti, Will Smith e il coraggio di un uomo che ama sua moglie”

A lezione dai maestri: la crisi della democrazia spiegata da Bassani

Nel tabellino dell’arbitro a fine partita risultano soltanto i marcatori e non gli assistman. Eppure dovrebbero comparire entrambi perché il merito del gol va diviso in egual modo. Mentre scrivo queste parole ripenso all’assist di Rui Costa a Shevchenko per il gol contro il Real Madrid in una partita di Coppa Campioni del 26 novembreContinua a leggere “A lezione dai maestri: la crisi della democrazia spiegata da Bassani”